Congresso nazionale dei geologi. Comunicato stampa dell'Ordine e pubblicazione del materiale

Ordine Geologi Lazio: “Soddisfazione per Congresso Nazionale dei geologi italiani. Geologo sia protagonista delle politiche per il territorio”

Tra i Geologi del Lazio c'è grande soddisfazione per la riuscita del Congresso Nazionale dei Geologi Italiani, svoltosi dal 28 al 30 aprile presso l’Auditorium dell’Hotel Royal-Continental di Napoli, e organizzato dagli Ordini Regionali e dal Consiglio Nazionale dei Geologi. L'Ordine, presieduto da Roberto Troncarelli, infatti, ha fornito un serio e concreto supporto in termini di organizzazione e contributi tematici. “La geologia che verrà. Il mercato, l’università e le proposte di legge” il titolo della “tregiorni”, rivolta soprattutto alla società civile, alle istituzioni e alla politica, con la mission di favorire rapporti e sinergie tra mercato, università e opportunità di lavoro, finalizzate a formare professionisti preparati ad affrontare tutte le “applicazioni della geologia”, nonché a consolidare e ampliare il ruolo del geologo al servizio del territorio. “E' stata una iniziativa viva e partecipata - ha detto Marina Fabbri, vicepresidente dell'Ordine dei Geologi Lazio e coordinatrice della commissione organizzatrice del Congresso - e non posso non ringraziare per l'ospitalità e la professionalità i colleghi della Campania e tutti coloro che hanno contribuito alla sua riuscita attraverso un ottimo lavoro di squadra. Un ringraziamento particolare va a quanti hanno lavorato con me nella commissione organizzatrice. Tre giornate piene di confronti e dibattiti di assoluto livello, con la figura del geologo al centro dell'attenzione. Dodici i tavoli tematici, durante i quali sono state sviscerate problematiche e criticità, e fornite proposte e aggiornamenti normativi, volti a semplificare ed efficientare lo svolgimento della nostra professione. Auspichiamo - chiosa Marina Fabbri - che la politica ora faccia la sua parte, comprendendo finalmente il ruolo fondamentale che il geologo svolge per la difesa e la prevenzione del nostro territorio, geologicamente giovane e fragile”.

Oltre a liberi professionisti, esperti e autorevoli rappresentanti del mondo accademico, a Napoli hanno marcato presenza anche onorevoli e personalità politiche, che in maniera condivisa e sincera hanno sottolineato la necessità di valorizzare e responsabilizzare la figura del geologo professionista. Molteplici, inoltre, le tematiche affrontate e le tavole rotonde, a cui hanno assistito e preso parte molti membri dell'Ordine dei Geologi del Lazio: Rischio sismico; Risorsa acqua; Attività estrattive-Terre e rocce da scavo; Geotermia e rinnovabili; Università, Pianificazione; Bonifiche siti inquinati e discariche; Protezione civile; Professione e società; Il Geologo progettista. Progettazione geologica e progettazione geotecnica; Geoparchi, Geositi&Geoturismo. Ma anche Dissesti e Alluvioni: “Nel mio intervento - ricorda il segretario dell'Ordine Geologi Lazio, Tiziana Guida - ho sottolineato come negli ultimi 8 anni la superficie delle aree a più elevato rischio idrogeologico sia quasi raddoppiata, passando dal 9.8% al 15.8%. Numeri davvero preoccupanti. Eppure il geologo, che sulla carta dovrebbe essere tra i fondamentali interlocutori delle istituzioni, nella pratica continua ad essere trascurato. Un grave errore, a cui la politica speriamo possa porre presto rimedio”.

A chiudere il Congresso Nazionale dei Geologi Italiani, Roberto Troncarelli, in rappresentanza della Conferenza dei Presidenti degli Ordini Regionali dei Geologi. Il presidente ha esordito: “Sebbene la capacità del geologo di incidere nelle scelte istituzionali e amministrative sia cresciuta negli ultimi quindici anni, tuttavia c'è ancora molto da fare. Ci manca ancora un pizzico di autostima, dobbiamo fare ancora quel deciso salto di qualità e comprendere a tutti gli effetti l'importanza che il nostro ruolo detiene nella filiera dello sviluppo sostenibile e della tutela del territorio. Solo in questo modo avremo l'opportunità di incidere maggiormente sulle scelte decisionali”. Un processo di crescita, dal quale non può sottrarsi il mondo accademico: “Bisogna ricominciare dalla formazione: in questo senso - dice Troncarelli - l'università deve fare il suo, essendo ancora troppo lontana dal mondo professionale del geologo”. E nemmeno la politica, che “deve finirla di sottovalutare il ruolo del geologo, soprattutto - rimarca il presidente dell'Ordine dei Geologi Lazio - in un contesto critico come quello del nostro Paese, storicamente vittima di frane, alluvioni, che hanno causato morti, feriti, evacuati e danni. Un paese, l'Italia, dove vivono 5 milioni di persone a rischio idraulico. Dati allarmanti che dovrebbero far aprire uno scenario istituzionale in cui il geologo abbia vera centralità nelle decisioni. Responsabilità che purtroppo ancora manca. Infine, nella collettività c'è una scarsa cultura geologica e questo rappresenta certamente la madre di tutte le criticità. Serve un ribaltamento di prospettiva vera: il geologo che verrà deve diventare protagonista delle politiche decisionali”, chiosa Troncarelli.

 

E’ possibile visionare il materiale riguardante il Congresso Nazionale dei Geologi Italiani, svoltosi a Napoli il 28-29-30 Aprile, al seguente link.

pubblicata in data 4 maggio 2016 - Ordine - Convegni

home Ordine Congresso nazionale dei geologi. Comunicato stampa dell'Ordine e pubblicazione del materiale